Stretching, bisogno istintivo

La parola stretching, dall’inglese allungamento, è ormai entrata a far parte del linguaggio comune e tutti, più o meno, ne conosciamo il significato.
Inconsapevolmente, iniziamo a fare stretching già alla mattina quando ci svegliamo, semplicemente stiracchiandosi. Se ci fate caso, anche gli animali si stiracchiano e si allungano, senza sapere cosa stanno facendo; semplicemente stanno facendo anche loro stretching.

Non neghiamolo, è una necessità del corpo quella di allungarsi e stirarsi; appena svegli la mattina ci allunghiamo, dopo ore di ufficio ci allunghiamo, durante l’attività sportiva ci stiriamo; insomma, è un continuo cercare di rilassare le tensioni accumulate.

E’ chiaro quindi che, fare stretching abbia una valenza molto importante, sia come prevenzione che come vera e propria attività fisica.

fonte: Rise fisical therapy

Tipo di stretching

Esistono molti tipi di stretching, ma i più praticati sono tre:

  • Stretching dinamico: Sono esercizi di allungamento che vengono fatti seguendo un movimento, sono adeguati a chi pratica attività sportive
  • Stretching statico: è quello che comunemente facciamo a casa, il classico esercizio di mantenimento di una posizione per alcuni secondi.
  • Stretching isometrico: è lo stretching più complesso, difficile da svolgere da soli sopratutto alle prime armi; la pratica più conosciuta è la PNF fatta di facilitazioni e successivi allungamenti.

A cosa serve?

Gli esercizi di stretching hanno lo scopo di migliorare la coordinazione e la propriocezione (cioè la capacità di percepire il proprio corpo nello spazio), ridurre la tensione muscolare, prevenire traumi muscolari e tendinei e migliorare l’escursione articolare.
Ci sono alcuni autori (Ian Shrier, Stretching before exercise: an evidence based approach) che sconsigliano l’esecuzione di esercizi di allungamento prima di attività sportive perchè, secondo loro, possono favorire infortuni in quanto rallentano il riflesso di allungamento nei fusi neuromuscolari.
A mio modo di vedere, sopratutto nelle persone comuni, non atleti, è comunque consigliabile, eseguire un buon riscaldamento e alcuni esercizi di stretching prima di iniziare l’attività sportiva intensa.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo con i tuoi amici utilizzando i pulsanti qui sotto, invece se desideri avere maggiori informazioni scrivimi su Facebook, contattami tramite Instagram oppure chiamami al 3494645845.

Torna al Blog oppure torna alla Homepage

Il ciclista e la prevenzione degli infortuni

Oggi volevo parlarvi di prevenzione e non di cura; suonerà strano per tanti di voi ma a noi fisioterapisti piace prevenire invece che curare.

cavendish-giro-2012-caduta


La fine della stagione è un momento per caricare le batterie, per programmare l’annata successiva, per provare i nuovi materiali ma anche per curarsi.
A chi non è capitato di cadere durante una gara o un allenamento e di aver poi avuto problemi durante la stagione? Altri invece, avranno sofferto di tendiniti mal curate o di dolori al collo e alla schiena? Quasi tutti e la pausa invernale potrebbe essere sfruttata per curare queste disfunzioni del nostro corpo. Non è da escludere che la prima parte di stagione passi senza dolori per poi presentarsi al momento di maggiore carico; il corpo trova sempre delle strade di compenso, poi quando arriva a soglia, fa come noi, esplode.

bad_back


Sarebbe stupido sottovalutare questi dolori, essi infatti lasciano nei nostri tessuti delle rigidità o dei malfunzionamenti. E’ assai frequente iniziare la preparazione, sopratutto per chi tutti gli anni cambia bici e scarpe, e poi fermarsi dopo poco perchè i vecchi dolori sono riaffiorati magari anche più acuti di prima. Sicuramente è molto utile effettuare esercizi di stretching e di rinforzo a corpo libero per recuperare eventuali scompensi; a volte però questo non è sufficiente.
Cosi come può non è sufficiente effettuare un semplice bikefit, per quello consiglio una visita da uno specialista, mi raccomando affidatevi a persone esperte e qualificate.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo con i tuoi amici utilizzando i pulsanti qui sotto, invece se desideri avere maggiori informazioni scrivimi su Facebook, contattami tramite Instagram oppure chiamami al 3494645845